Il modello Wikipedia per scegliere talenti

Il modello Wikipedia per assumere. È l’idea di R-Everse, società di selezione del personale con sede legale a Milano e hub multilingue a Bologna.

Fondata nel 2017 dall’ingegnere reggiano Daniele Bacchi e da Alessandro Raguseo, l’azienda ha già visto il fatturato passare da 900mila a 2,2 milioni, con l’obiettivo di arrivare a 3,5 quest’anno. Non è un settore semplice, la ricerca e selezione del personale: “C’è un’enorme disparità tra ciò che le imprese cercano e le competenze sul mercato – nota Bacchi. Per 100 ingegneri del software cercati, solo due valutano un cambio lavorativo: il mercato è questo”. Un problema per le aziende, che devono competere per accaparrarsi le risorse migliori, e per i ‘cacciatori di teste’, a cui viene chiesto di trovare profili sempre più specializzati: “Noi di mestiere siamo reclutatori. Come facciamo a parlare con un programmatore Java o con un anestesista, a capire come attirarli?”.

Sotto questo aspetto arriva in aiuto Wikipedia, o meglio il modello collaborativo su cui si basa l’enciclopedia web: “Su Wikipedia ogni tassello viene scritto le persone specializzate ciascuna nei propri filoni”, ragiona Bacchi. Nel piano di R-Everse questo si traduce in una rete estesa di ‘scout’, circa 350-400 a fronte di 40 recruiter ‘classici’. Lo scout è un esperto del proprio settore: per esempio, un primario se c’è da cercare un anestesista. “Guardando i curriculum può capire quanto un candidato sia adatto al ruolo. Può aiutare a scrivere la descrizione del lavoro quando apriamo la ricerca di personale, perché sa cosa attrae chi opera in quel settore”. Spesso è lo scout a fare il colloquio con i candidati migliori, passati dalla prima selezione del cliente. Aspetto, questo, non secondario: “Di solito quello del reclutatore e il ruolo più odiato: nessuno di noi vuole essere giudicato da qualcuno che non sa niente del nostro mestiere”. Sulla piattaforma di R-Everse, su cui si svolgono i passaggi della selezione del personale, c’è anche spazio per permettere al candidato di valutare il ‘suo’ scout, per dare alla società un riscontro sulla qualità dei propri collaboratori.

Tra chi ha deciso di puntare su un modello Wikipedia c’è Datalogic, la multinazionale dei codici a barre che sorge a Lippo di Calderara in provincia di Bologna: la collaborazione è iniziata fine 2017, con l’obiettivo di trovare 90 persone da inserire nella divisione ricerca e sviluppo. E non è ancora finita: “abbiamo scoperchiato tutta Italia alla ricerca di talenti purissimi. Finora siamo arrivati a 70 assunzioni”.

Fonte: cartacea.